SLA, ‘Caso Palumbo’ su Domani: l’indignazione di AISLA Firenze

Barbara Gonella sul caso Palumbo: “Terribile speculare su malattia e compassione: trasparenza e fiducia nostri pilastri”

Firenze, 6 settembre 2022. “Anche quando si dona per una giusta causa occorre fare massima attenzione e lo dimostra il caso Palumbo ricostruito da Domani”. Lo dichiara Barbara Gonella, Presidente di AISLA Firenze. “Trasparenza e fiducia – rimarca Gonella – sono i due pilastri che, da oltre dieci anni, informano l’attività e l’impegno di AISLA Firenze per le persone con SLA. Stiamo parlando di trasparenza nella rendicontazione delle somme raccolte negli eventi e attraverso donazioni private, tutti indirizzati ai servizi offerti gratuitamente, e di fiducia da parte di donatori e sostenitori”.

Forte l’indignazione di Gonella: “È terribile che qualcuno speculi sulla malattia e sulla naturale compassione che suscita un giovane condannato a letto e legato a una macchina”. “Tutta AISLA Firenze è con Paolo nella sua lotta per una vita dignitosa con la SLA, che è la stessa degli oltre 70 malati assistiti e familiari caregiver da noi assistiti, facciamo nostro il suo ‘viva la vita’, auspicando si faccia piena chiarezza su questa brutta storia”.

“Anche in questi anni, AISLA Firenze ha potuto garantire una vita dignitosa grazie ai servizi offerti gratuitamente e non possiamo tollerare che sia lesa in alcun modo l’immagine dell’associazione o la fiducia dei donatori. Proseguiremo a lavorare – conclude – con passione, trasparenza, dedizione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su