Ancora nessun commento

Persona con SLA, il programma dei due webinar

Il programma dei due webinar del 19 e 20 giugno incentrati sulla persona con SLA e il percorso di cura. Il 20 giugno si parlerà anche del ruolo di AISLA Firenze sul territorio.

La “centralità” della persona affetta da Sclerosi laterale amiotrofica (SLA) nel suo percorso di cura è sempre stato uno degli obiettivi primari dell’Associazione italiana Sclerosi laterale amiotrofica (AISLA). Il Piano diagnostico-terapeutico assistenziale sociale (PDTAS) regionale e dell’Azienda USL Toscana Centro, alla cui realizzazione AISLA Firenze ha collaborato per tutto il suo iter, definisce un percorso multidisciplinare e multiprofessionale finalizzato ad assistere ogni persona con SLA in modo omogeneo in tutto il territorio regionale.

Un modello di continuità assistenziale che si fonda sull’integrazione sinergica tra ospedale e territorio e che garantisce un progetto assistenziale individuale che tenga conto del paziente e della sua famiglia. Ecco allora che concetti come “Pianificazione condivisa delle cure” (PCC), “Disposizioni anticipate di trattamento” (DAT), diventano parti integranti e imprescindibili del concetto più ampio di “centralità della persona con SLA e della sua famiglia”.

I temi dei due webinar

Nel webinar del 19 giugno il focus è sul paziente con SLA che presenta anche un declino cognitivo e sui risvolti psicologici ed etici delle scelte terapeutiche del malato inguaribile. Crediti ECM: 2,1

Nel webinar del 20 giugno il focus è sull’accesso alle Cure Palliative e all’hospice, sul ruolo dell’infermiere in ospedale e sul territorio, in particolare sulla nuova figura dell’infermiere di famiglia e di comunità. Interverrà anche Barbara Gonella, presidente di AISLA Firenze, per trattare del ruolo di AISLA sul territorio. Verrà illustrato infine il modello di assistenza e di cura delle persone affette da patologie neuromuscolari dei centri clinici NeMO italiani. Crediti ECM: 2,1. Il corso è inserito nel percorso di accreditamento ECM della Regione Toscana.

Fonte: ARS Toscana.

Invia un commento