Ancora nessun commento

Quarrata, successo dell’iniziativa “Un calcio alla SLA”

Successo dell’iniziativa “Un calcio alla SLA” svoltasi a Quarrata al Green Sport Mollungo. Parte del ricavato andrà ad AISLA Firenze.

Si conclude con un successo la prima iniziativa del nuovo anno promossa per raccogliere fondi a favore di AISLA Firenze. Al Green Sport Mollungo di Quarrata si è svolta la partita di beneficenza “Un calcio alla SLA”.

Barbara Gonella, presidente di AISLA Firenze, commenta così l’evento: “È molto importante che si parli della SLA e che si raccolga finanziamenti per chi, come AISLA Firenze, opera al fianco dei malati e delle loro famiglie. Per noi è stato si è concluso un anno di crescita, arricchito iniziative come ‘Una vasca per AISLA’. Grazie a eventi come questo possiamo sostenere il lavoro che quotidianamente portiamo avanti. Un ringraziamento all’Associazione Sportiva Green Sport che ci ha ospitato, ai partecipanti alla partita di oggi, agli organizzatori David Venuta e Walter Correnti, alle associazioni La Polda e Un genitore per amico, ai testimonial Debora Stringi e Andrea Paone”.

Per la partita “Un calcio alla SLA” è sceso in campo anche Alberto Malusci, ex giocatore della Fiorentina. Questo il suo pensiero: “Tengo molto alle iniziative di beneficenza e soprattutto a quelle per combattere la SLA, malattia che ha avuto il mio compagno in viola Stefano Borgonovo”.

La SLA è una malattia neurodegenerativa che colpisce i motoneuroni e riduce progressivamente l’attività muscolare. Una malattia rara ma la cui incidenza è in costante aumento e proprio per questo occorre migliorare la cura, l’assistenza dei malati, la prevenzione.

AISLA Firenze nasce nel 2011 ed è la sezione fiorentina di AISLA Onlus, associazione che opera per la cura e l’assistenza dei malati di SLA, per promuovere la ricerca scientifica e gli strumenti legislativi adatti. Grande attenzione inoltre a migliorare la conoscenza della malattia e alla diffusione di corrette informazioni sula SLA. AISLA Firenze ha in carico 150 persone tra malati e familiari.

La cifra raccolta verrà comunicata nei prossimi giorni.

Invia un commento