Ancora nessun commento

Sara Funaro al progetto Semi di Fiordaliso alla scuola Collodi

Ha partecipato anche l’Assessore Sara Funaro ai laboratori del progetto “Semi di Fiordaliso” alla scuola Collodi.

Martedì mattina l’assessore all’educazione e pari opportunità, Sara Funaro, è andata alla scuola primaria Collodi ed ha incontrato i bambini della 4a e della 5a A che stanno facendo i laboratori pedagogici del progetto di AISLA Firenze “Semi di Fiordaliso”, iniziato il 13 gennaio e giunto alle sue fasi finali.

Si tratta di un progetto di AISLA Firenze rivolto ai bambini delle scuole primarie affinché acquisiscano una cultura basata sul rispetto e la solidarietà verso le persone con SLA e con disabilità in generale.

All’incontro alla scuola Collodi erano presenti le insegnanti Maria Vittoria e Cristina, le pedagogiste Laura Ferraresi e Linda Gori, Valentina Solari referente dell’associazione Consapevolmente, il vignettista Luca Ricciarelli, la presidente dell’associazione Le Curandaie Serena Berti e la presidente di AISLA Firenze Barbara Gonella.

L’obiettivo è promuovere una cultura del rispetto verso i diversamente abili.

L’assessore Funaro si è trattenuta a lungo con entrambe le classi, ascoltando con attenzione e a tratti con commozione i commenti dei bambini, tutti molto positivi e maturi sulle attività che stanno svolgendo. Ha ascoltato anche la lettura del terzo racconto su cui poi hanno lavorato i bambini, quello in cui si parla in modo diretto ma sempre molto gentile e adatto a loro, di SLA e di una persona ammalata “Edoardo e il nonno astronauta”, con le immagini coloratissime ed evocative di Luca Ricciarelli.

“Ringrazio AISLA Firenze e tutti gli operatori per il bellissimo progetto che stanno portando avanti – ha detto l’assessore Funaro –. Un progetto da sostenere e diffondere a cui i bambini hanno partecipato con grande attenzione ed emozione che ha l’obiettivo di promuovere una cultura della conoscenza e del rispetto verso le persone diversamente abili. Fra le frasi degli alunni quella che mi ha più colpito è ‘Edoardo trasforma la tristezza in felicità’ che si riferisce al racconto di un bambino con il nonno con la SLA, segno che i bambini sanno trasformare le barriere in opportunità”.

La SLA, malattia neurodegenerativa, colpisce entrambi i sessi con una età media di esordio intorno ai 60-65 anni, quindi probabili genitori o nonni degli stessi bambini ed è una malattia rara che registra una crescente incidenza.

Gli istituti coinvolti sono due scuole primarie di Firenze: La Pira e Collodi. La prima fase ha coinvolto due classi 5e della primaria La Pira dal 7 ottobre all’11 novembre. Nella scuola Collodi invece è partito a gennaio e terminerà il 2 marzo.

Invia un commento