Una famiglia: AISLA Firenze, più di un’associazione

Nel 2022, scegli anche tu di sostenere la famiglia di AISLA Firenze e i nostri progetti: diventa anche tu una persona che aiuta persone come noi.

La SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) è malattia ad oggi ancora inguaribile ma non incurabile. Questa malattia ha un decorso rapido e invalidante, che travolge la vita della persona con SLA e dei suoi cari. La famiglia di AISLA Firenze si prende cura delle persone con SLA e dei familiari caregiver e, insieme al Sistema Sanitario, garantisce la dignità della persona e i suoi diritti, sempre.

Dopo due anni, segnati dall’emergenza, ma nei quali non siamo mai mancati per i nostri assistiti e abbiamo garantito la continuità nell’assistenza, il 2022 si apre con nuove difficoltà, che rischiano di ricadere sulla pelle di chi già soffre ma che, come soci e ancor di più come persone che hanno sofferto, ci spingono a fare ancor di più per i nostri assistiti.

Grazie alla tua quota associativa sarai un membro della nostra famiglia di persone che aiutano persone, potrai esprimere il tuo voto nell’Assemblea annuale e diventare Socio attivo sia come Volontario sia come Ambasciatore aiutandoci nella lotta quotidiana per la dignità.

Provider di servizi ma anche voce delle persone con SLA nelle Istituzioni

La tua quota servirà per sostenere tutte le attività della famiglia di AISLA Firenze ovvero:

  1. Sostenere i nostri progetti di assistenza, informazione e tutela offerti, a titolo gratuito, ai malati di SLA e i loro familiari. AISLA Firenze agisce come provider di servizi e come collettore di competenze sociosanitarie;
  2. Promuovere e implementare politiche sanitarie e sociosanitarie sul territorio dell’AUSL Toscana Centro e Regione Toscana che mettano al centro la persona con SLA, i suoi bisogni e quelli dei suoi familiari caregiver;
  3. Formare operatori sanitari e sociosanitari e volontari: concretamente, coloro che assistono, seguono, intervengono nelle emergenze, ma anche coloro che tendono la mano nel momento del bisogno;
  4. Sostenere la ricerca scientifica sulla SLA: la strada da fare è ancora molta ma la Scienza è un sapere cumulativo in costante crescita e confidiamo nel suo sviluppo grazie ai tanti che si spendono.
Esempi concreti del lavoro di AISLA Firenze per le persone con SLA e i familiari caregiver

Nel corso del 2021 le quote raccolte hanno permesso di concretizzare percorsi di assistenza e presa in carico. Durante il 2021 AISLA Firenze ha assistito 70 persone affette da SLA più i loro familiari caregiver e ha erogato:

  1. 520 sedute di fisioterapia domiciliare e idrokinesiterapia (30 pazienti), mentre 10 sedute di logopedia (per i primi tre mesi);
  2. 116 ore di sostegno psicologico + 16 Gruppi di Aiuto fino a giugno (16 pazienti e famiglie);
  3. Al cellulare della Sezione sono arrivate circa 600 telefonate, oltre 50 gli incontri con malati e familiari;
  4. 18 gli incontri in presenza e on line con Istituzioni per problemi relativi all’assistenza delle persone con SLA e loro caregiver;
  5. 60 le riunioni in presenza e on line dei Comitati di partecipazione territoriali e aziendali, dell’Ufficio di Coordinamento e del Consiglio dei cittadini (Regione Toscana), di Gruppi di lavoro, Consulte e Forum;
  6. 9 i webinar/seminari organizzati da AISLA Firenze o ai quali è intervenuta come Relatore nella persona della Presidente (per esempio: con Ordine degli Avvocati e con il Sistema Sanitario Toscano);
  7. 18 gli eventi di Raccolta Fondi e Ricreativi, con tutte le attività organizzative necessarie (come la maratona di nuoto di 24 ore, la migliore di sempre);
  8. 3 eventi formativi;
  9. 5 interviste radiofoniche, oltre a 200 pubblicazioni sui maggiori quotidiani fiorentini e nazionali con l’obiettivo di far conoscere la SLA e il lavoro di AISLA Firenze. Tra i vari interventi anche una campagna per sollecitare la vaccinazione dei familiari caregiver, culminata con un’intervista su Agorà (Rai3).

Per aiutare la famiglia di AISLA Firenze: https://www.aislafirenze.it/unisciti-a-noi/diventa-socio-aisla-firenze/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su