Bilancio AISLA Firenze

Bilancio AISLA Firenze 2020

La gestione economica della Sezione di Firenze nel corso del 2020 è stata fortemente influenzata dall’emergenza sanitaria per il covid-19. Le ripetute e perduranti limitazioni alle attività sociali hanno significato, per una sezione come la nostra le cui risorse dipendono in larga misura dall’attività di fund raising, una riduzione di oltre il 50% delle risorse finanziare reperite attraverso gli eventi. Al contempo, il lockdown di primavera, ha determinato una drastica riduzione delle attività di sostegno erogate ai pazienti (con pesanti ricadute pratiche), situazione che ha parzialmente bilanciato le minori entrate da eventi. La difficile situazione finanziaria che ci siamo trovati ad affrontare, è confermata dal rapporto tra uscite ed entrate, passato dall’84% del 2019 al 117% del 2020 (era il 99% nel 2018).

ENTRATE
nell’anno 2020 le risorse derivanti dall’attività di raccolta fondi sono ammontate a 14.028,50€ con un decremento del 55% verso l’anno precedente, valore a cui vanno ad aggiungersi 2.748€ derivanti dalle donazioni fatte da enti vari, importo di poco inferiore a quello registrato nel 2019. Compongono questa voce la donazione fatta in Marzo dal Rotary ed il sostegno alla Maratona di Nuoto da parte del Banco Fiorentino. Pressoché invariato invece il valore delle donazioni pari a 19.038,70€ inferiori solo del 5% rispetto alla raccolta dell’anno precedente.

Sebbene inferiori rispetto all’anno precedente, anche nel 2020 le donazioni raccolte tramite Facebook hanno generato un discreto volume di entrate. Considerato che l’emergenza covid si protrarrà per lungo tempo, è auspicabile sviluppare una strategia di raccolta fondi che sfrutti al meglio questa piattaforma social.

Balzo veramente importante invece delle risorse derivanti dal tesseramento dei soci. Nel 2020 la nostra sezione è passata dai 153 soci del 2019 ai 202 soci del 2020 con un aumento del 32%.

A questo incremento di sostegno da parte della nostra comunità di riferimento è corrisposto un aumento del 23% delle quote raccolte nell’anno. Per il primo anno registriamo entrate derivanti dalla vendita del nostro merchandising o dello shop solidale. Le due voci hanno generato 2.549,71€. Il tutto per un totale di 42.405,31€ con un decremento del 26,4% rispetto all’anno precedente.

USCITE
l’85% delle risorse raccolte (contributi previdenziali inclusi che rappresentano il 3% delle spese totali) sono state impiegate nelle attività di sostegno ai malati di SLA del territorio metropolitano fiorentino a conferma del grande impegno della sezione a destinare la quasi totalità delle risorse raccolte, a sostegno dei malati. Se al valore precedente si aggiunge anche il costo del progetto «Semi di Fiordaliso», il valore delle risorse impiegate in progetti riconducibili alla SLA, sale al 91%. La conferma che il 2020 sia stato un anno difficile, lo si desume anche dal rapporto tra le spese riconducibili ai progetti di sostegno ai malati e le spese totali, scese dall’80% del 2019 al 72% di quest’anno.

Per bilanciare le minori entrate da eventi, la sezione ha dovuto investire soprattutto sulle piattaforme informatiche e nella promozione dell’attività associativa. Riteniamo comunque questo dato figlio della situazione contingente che, ci auguriamo, non duri a lungo.

Situazione che in ogni caso ci ha costretti ad investire su soluzioni che ci consentivano di mantenere il contatto con i malati e la nostra comunità di riferimento. Nel dettaglio 21.606€ sono stati impiegati nell’attività di fisioterapia con un decremento del 21% rispetto all’anno precedente. 5.214,40€ nel sostegno psicologico domiciliare ai cui si aggiungono 2.268€ per i Gruppi d’Aiuto. Voci queste ancora in crescita rispetto all’anno precedente nonostante le difficoltà legate all’epidemia da covid.

Il progetto Idrokinesiterapia, ha richiesto un impiego di 1.180€, valore di oltre un terzo più basso rispetto al 2019, mentre il servizio di Infermiere d’Emergenza sebbene in crescita rispetto al 2019 (721,78€ vs. 340,00€) stenta ancora a decollare. Molto bene invece il progetto di logopedia domiciliare; abbiamo erogato assistenza per 2.745,60€ con un aumento di circa il 30% nonostante le difficoltà di accesso alle abitazioni dei malati. Altre voci di spesa riconducibili alla SLA, sono rappresentate dal progetto «Semi di Fiordaliso» che ha determinato costi per 2.577€, al trasporto dei malati (250€) e alle attività ricreative quali “Al Museo con la SLA: Senza Limiti Artistici” (170€) erogate quest’anno anche in modalità virtuale.

Ai costi suddetti si aggiungono 1.541,91€ spesi per l’organizzazione di tutti gli eventi di raccolta fondi (-38%), 4.194,53€ per la promozione delle attività associative (in questa voce rientrano volantini e tutto il materiale utile a far conoscere le attività della sezione), 2.319,59€ per spese di comunicazione e divulgazione (+52%), 1.385,92€ spesi per le piattaforme di web conference, l’aggiornamento del sito internet ed il server di posta elettronica (+178%), 835,17€ (+25%) di spese bancarie a cui si aggiungono 79,44€ di commissioni pagate sul conto PayPal e SumUp oltre a 1.343,50€ di tasse e ritenute pagati sui compensi dei professionisti (+47%) e 208,75€ per spese amministrative e rimborsi ai volontari (-76%).

Il tutto per un totale spese di 49.831,58€ che determina un saldo negativo di 7.426,27€ Questo saldo si riflette parzialmente sul saldo del conto bancario che al 31/12/2020 passa dai 22.132,42€ registrati al 31/12/2019 a 16.388,00€ del 31/12/2020. Purtroppo il 2021 si preannuncia ancora più difficile dal punto di vista finanziario. Almeno per la prima parte dell’anno sarà difficile riattivare gli eventi di fund raising. Ciò determinerà una forte riduzione delle risorse disponibili. Dovranno pertanto essere identificate le opportune strategie per consentire il reperimento delle risorse economiche necessarie affinché non si interrompa l’attività della sezione per i malati del territorio.